stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
logo del comune
Comune di Treiso
Stai navigando in : Le News
Carlin, ricordati che in fondo in fondo Slow Food è nata a Treiso

A Treiso, nel lontano 1982 nasce il primo Circolo Arci d’Italia, in seguito Arci gola e per ultimo "Osteria Dell’unione". Condotta da Pina Bongiovanni e Beppe Marcarino proprietari del locale; già trattoria di "Marieta", sovrana dei tajarin di Langa.

In quell’osteria dal sapore antico, Carlo Petrini insieme a un gruppo di amici, fa germogliare il progetto che rivoluzionerà il mondo dell’enogastronomia mondiale: il progetto si chiamerà ufficialmente il movimento internazionale per la difesa e il diritto al piacere "Slow food". Sottoscrivono il Manifesto delegati provenienti da tutto il mondo siglato definitivamente il 21 dicembre 1989 nella sala delle maschere dell’ Opera di Parigi.

Intanto a Treiso Pina e Beppe non hanno mai smesso di cucinare i piatti che hanno catturato la mente e il cuore di quel gruppo. L’osteria dell’ Unione è oggi un punto importane della tradizione culinaria nazionale e non mancano i turisti che domandano di gustare quel menu oramai divenuto storico.

Nel Cuore di Pina e Beppe rimane un grande desiderio, quello di ricevere una targa che documenti quel passato così importante, "una targa che ci fu promessa tempo fa da Carlin Petrini ma che fino ad ora non abbiamo ancora ricevuto. Ma siamo convinti che prima poi arriverà. . .".

Da quanto tempo siete qui?

"Da sempre, da quando Marieta (Famosa a quel tempo per i Tajarin) ha abbandonato; io e Beppe non sapevamo allora cosa farne e dopo un breve consulto con il nostro amico Carlo Petrini, il quale ci consiglió di aprire un Circolo Arci. Praticamente la storia è incominciata così".

E’ vero che avevate già in mente di farne un osteria da sapore originario come quelle di una volta ?

"Sì, siamo andati in giro a cercare i tavoli, le sedie, le madie tutto quello che in quel tempo si buttava via, così abbiamo aperto il circolo e fatto le prime tessere. Non è stato così facile perché in un primo tempo la nostra scelta non è stata gradita dalla gente del posto".

Avete subito fatto ristorazione?

"Assolutamente no. Volevamo fare osteria, venivano tantissimi giovani da Alba a passare le serate in compagnia bevendo un bicchiere di vino e una fetta di salame, poi una fetta tira l’altra fino a quando siamo arrivati a servire i piatti di tajarin. Non avevamo molti clienti perché ci voleva la tessera e tanti pensavano che prendere la tessera dell’Arci fosse come prendere la tessera del partito Comunista. Così poi abbiamo chiesto la licenza che ancora oggi conserviamo".

Cosa ricordi degli incontri di Carlin e la nascita di Slow food?

"Ma io ero sempre in cucina e non seguivo molto i loro incontri. Mi ricordo che in quei tavoli lì si discuteva, c’era spesso Folco Portinari, Dacia Maraini; veniva spesso anche Nuto Revelli e tantissimi altri. C’è stato un momento che Carlo veniva tutti i giorni con i ragazzi di Bra, mi aiutavano anche".

Dicono che l’allora sindaco di Roma Nicolini vi mandava dei ragazzi in vacanza?

"Sì, Carlo aveva raccontato a Nicolini la nostra storia e di questo paese e allora decise di mandarci tutti gli anni cinquanta o sessanta ragazzi in campeggio che soggiornavano qui a Treiso, noi naturalmente li ospitavamo a pranzo e cena".

Lo sapete di essere non soltanto un’ osteria ma il punto di partenza di un progetto oggi diventato internazionale?

"Noi continuiamo a fare ed essere quello che siamo sempre stati, anche il nostro menu è ancora quello che si proponeva allora. Siamo coscienti di aver partecipato a qualcosa di grande. Ci farebbe piacere consacrare tutto questo con una targa che ci regali la soddisfazione di poter dire alla gente: qui è nato Slow Food. Un gruppo un po matto di nostri amici che ha fatto nascere il progetto enogastronomico più grande della Storia e la testimonianza è scritta su quella targa"..

Bruno Murialdo

Comune di Treiso - Piazza Leopoldo Baracco, 1 - 12050 Treiso (CN)
  Tel: 0173.638116   Fax: 0173.638900
  Partita IVA: 00421150046
  P.E.C.: pec@pec.comune.treiso.cn.it   Email: treiso@comune.treiso.cn.it
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.Maggiori informazioni.